L'aggressivita'.

L'aggressività è un comportamento umano che potrebbe produrre diversi effetti, tra cui quello dell'aggressione. In altri termini, esistono delle circostanze in cui la soglia dell'aggressività può essere superata, fino a raggiungere livelli tali da "arrecare un danno ad un altro individuo".Esistono delle condizioni che favoriscono l'effetto dell'aggressione e sono:la personalità dell' aggressore (più o meno aggressivo, più o meno capace di un controllo emotivo dell'aggressività); gli elementi del contesto (un'eventuale reazione ad una causa scatenante, delle frustrazioni che producono l'effetto).La tipologia del danno può essere materiale, e quindi relativa ad oggetti, fisico, che incide sull'incolumità fisica della persona, di tipo psicologico che si può manifestare in un crescendo di azioni che vanno dall'offesa, allo spavento, fino a culminare nel trauma psichico e nella tortura psicologica, con danni irreparabili per chi lo subisce, molto spesso con conseguente manifestazione di disagi psichici cronici. Anche se non sempre in modo volontario, da un danno materiale subito può prodursi anche un danno psicologico . In effetti, il DANNO prodotto può in molti casi rivelarsi più grande di quello che si era preconfigurato nelle INTENZIONI del danneggiatore e, solitamente, risente , di una serie di importanti componenti che in uno scenario d'aggressione si rivelano determinanti come la personalità dell'aggressore (più o meno equilibrata), i suoi precedenti (che influiscono sulla valutazione delle conseguenze) e, più in generale, il contesto (reazioni) e le capacità di controllo emotivo di cui dispone. Sulla base delle finalità principali dell'aggressore, si possono identificare 5 macro tipologie di eventi:
1° Aggressione a scopo di rapina. Es. rapina a mano armata e non armata, scippi.
2° Aggressione a scopo sessuale. Es. stupro, atti di libidine.
3° Aggressione finalizzata a procurare danno fisico alle persone. Es. vendetta personale.
4° Aggressione da parte di un branco. Es. atti vandalici.
5° Aggressione verbale. Es. lite verbale.
La identificazione delle diverse tipologie di aggressione permette di riconoscere subito, con buona approssimazione, le intenzioni di un potenziale aggressore e, quindi, organizzare di conseguenza una difesa idonea a ridurre al minimo il danno e i pericoli, per sé stessi e gli altri. Si possono, ad esempio, individuare alcuni ELEMENTI distintivi DEI COMPORTAMENTI AGGRESSIVI, utili a organizzare la difesa personale. Tra questi:
1) I contenuti motivazionali
2) I presupposti
3) Le conseguenze di una condotta aggressiva
4) I facilitatori
5) Gli antagonisti.
Nei contenuti motivazionali DI UNA CONDOTTA AGGRESSIVA sono inclusi sia aspetti cognitivi (pensieri, memorie) sia aspetti affettivi (emozioni, impulsi, bisogni). L'insieme di questi aspetti costituisce un set motivazionale che produce un certo tipo di condotta che, solitamente, si caratterizza per un mix affettivo-cognitivo di fattori. In particolare, nelle aggressioni a sfondo erotico-passionale la componente impulsivo-emotiva è particolarmente spiccata, al punto tale da rendere pressoché nulla quella cognitiva. I presupposti di UNA CONDOTTA AGGRESSIVA possono essere eventi e situazioni che stimolano emozioni e pensieri che producono una condotta aggressiva.Se l'aggressore e l'aggredito si conoscono, potrebbe rivelarsi più facile, in via preventiva, il controllo degli elementi che possono determinare l'aggressione. Non sempre però tutte le emozioni e i pensieri legati alle profonde motivazioni dell'aggressore possono essere comprensibili a chi è aggredito, come accade in presenza di aggressori con disturbi psichici, quali nevrosi, psicosi, psicopatie. Per questo la prima regola da adottare è quella di usare la prudenza, proprio perchè non si possiedono sempre le conoscenze o tutti gli elementi sufficienti a valutare la "potenziale pericolosità" di chi si ha di fronte, seppur si tratta di persona nota. Le CONSEGUENZE DI UNA CONDOTTA AGGRESSIVA hanno un impatto sociale che si manifesta sia con le sanzioni giuridiche, sia con la riprovazione del contesto sociale. I FACILITATORI DELLA CONDOTTA AGGRESSIVA sono tutti quegli elementi situazionali legati all'aggressore o all'aggredito quali: - l'assenza di testimoni a cui rispondere dei propri gesti; - la presenza di un gruppo di sostenitori dell'aggressione che facilita il disimpegno morale; - la presenza di psicopatologie nell'aggressore; - le offese pronunciate da parte dell'aggredito. Gli ANTAGONISTI DELLA CONDOTTA AGGRESSIVA sono tutti quegli aspetti personali o ambientali che si contrappongono al verificarsi di una condotta aggressiva. Essi comprendono, ad esempio: - la presenza di altre persone; - il buon funzionamento dei meccanismi di autoregolazione dell'aggressore; - le regole morali dell'aggressore; - i sentimenti di colpa; - l'identificazione dell'aggressore con la vittima; - tutti fatti che si rivelano incompatibili con il mantenimento della propria autostima.